CICAP

Gruppo di discussione "non ufficiale" aperto a tutti i soci (e non) del CICAP!

Pagina ufficiale CICAP: http://www.facebook.com/cicap.org

Il CICAP è un'organizzazione educativa e senza finalità di lucro, fondata nel 1989 per promuovere un'indagine scientifica e critica sul paranormale.
Fa parte dell'European Council of Skeptical Organizations.

Gli obiettivi del CICAP sono indagare sull'autenticità dei "misteri" e presunti fenomeni paranormali annunciati dai mass media e diffondere i risultati di queste indagini attraverso incontri, conferenze e pubblicazioni.

Nel 2013 il CICAP annuncia una modifica piccola ma importante nel suo nome: l'ultima lettera dell'acronimo CICAP, la P, cambia riferimento. Da oggi il CICAP diventa infatti il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze.
«Il CICAP nacque in un'epoca molto diversa dall'attuale» spiega il segretario del Comitato Massimo Polidoro. «Negli anni 80 e 90, a tenere banco sui media erano i presunti fenomeni paranormali (telepatia, chiaroveggenza, precognizione, psicocinesi), lo spiritismo, la magia... Per questo, quando nel 1989 nacque il CICAP (la cui sigla originale stava per: Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), l'obiettivo prioritario era quello di fare luce su questi casi in apparenza misteriosi».
Con il passare degli anni, e anche grazie all'incessante attività di verifica condotta dal Comitato, questo tipo di notizie ha perso parte del rilievo che possedeva in passato.
«Maghi, medium, astrologi e fantasmi figurano ancora nel palinsesto televisivo e sui giornali, perché sono argomenti che affascinano sempre e il CICAP non smetterà di occuparsene» continua Polidoro. «Oggi però risultano più diffuse e seducenti idee e affermazioni pseudoscientifiche a sostegno di terapie di non provata efficacia, teorie del complotto, leggende metropolitane e falsificazioni storiche».

Attraverso quest'opera di informazione il CICAP si propone di favorire la diffusione del metodo scientifico e dello spirito critico, ovvero di svolgere un'opera di educazione alla razionalità.